TEPPEKI
Condizione Fisica: GRANULI IDRODISPERSIBILI
FormatoPrezzo di ListinoIl tuo Prezzo
10 gr
€ 0,00
Formati:
10 gr

TEPPEKI  è un insetticida di ultima generazione contenente il principio attivo Flonicamid, specifico contro insetti con apparato pungente e succhiante quali afidi e aleurodidi. TEPPEKI ® agisce per contatto e per ingestione in tutti gli stadi di sviluppo dei parassiti, inducendo all’arresto dell’alimentazione e della produzione di melata, e risulta strategico nel gestire episodi di resistenza.

Indicato per le seguenti malattie
Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate sull’etichetta del prodotto.
  • Flonicamid puro
    50 g
  • Coformulanti q.b.
    a 100 g

Agrumi

Contro afide verde degli agrumi (Aphis citricola), afide bruno degli agrumi (Toxoptera aurantii), afide verde del pesco (Myzus persicae), afide delle malvacee e delle cucurbitacee (Aphis gossypii), intervenire all’inizio dell’infestazione, in genere all’inizio della primavera quando si sviluppano i primi germogli alla dose di 0,1 Kg/ha, distribuiti con volumi d’acqua di 1000-2000 L di acqua per ha corrispondenti a 5-10 g/hl. Ripetere i trattamenti (fino ad un massimo di 2 per anno) a distanza di 14 giorni.

Melo e pero

Contro afide grigio del melo (Dysaphis plantaginea), afide verde del melo (Aphis pomi) e afide grigio del pero (Dysaphis pyri) intervenire alla comparsa dell’infestazione, in genere all’inizio della primavera quando si sviluppano i primi germogli, alla dose di 0,12-0,14 Kg/ha. Utilizzare volumi d’acqua di 200-1000 L/ha (eccezionalmente 1500 L/ha) a seconda del tipo di coltura, dello stadio di sviluppo e dell’attrezzatura di distribuzione impiegata. Si raccomanda di utilizzare la dose più elevata (0,14 Kg/ha) per il controllo dell’afide grigio del melo. Ripetere i trattamenti (fino ad un massimo di 3 per anno) a distanza di 14-21 giorni.

Pesco e susino

Contro afide verde del pesco (Myzus persicae), Brachycaudus helichrysi ed afide farinoso del susino (Hyalopterus pruni) intervenire alla comparsa dell’infestazione, in genere all’inizio della primavera quando si sviluppano i primi germogli, alla dose di 0,12-0,14 Kg/ha in funzione della severità dell’attacco; per infestazioni iniziali impiegare la dose più bassa. Utilizzare volumi d’acqua di 200-1000 L/ha (eccezionalmente 1500 L/ha) a seconda del tipo di coltura, dello stadio di sviluppo e dell’attrezzatura di distribuzione impiegata. Ripetere i trattamenti (fino ad un massimo di 2 per anno) a distanza di 14-21 giorni.

Pomodoro (in campo e in serra)

Contro afidi (Myzus persicae e Aphis gossypii) intervenire alla comparsa dell’infestazione (in particolare in serra quando più del 5% delle foglie sono infestate da uno o più individui), alla dose di 0,10- 0,12 Kg/ha in funzione della severità dell’attacco; per infestazioni iniziali impiegare la dose più bassa. Utilizzare volumi d’acqua di 400- 1000 L/ha a seconda dello sviluppo della vegetazione. Ripetere i trattamenti (fino ad un massimo di 3 per anno) a distanza di 7-14 giorni.

Cucurbitacee (melone, cetriolo, cetriolino, cocomero, zucca, zucchino)

sia in campo che in serra: contro afidi (Aphis gossypii) intervenire alla comparsa dell’infestazione (in particolare in serra quando più del 5% delle foglie sono infestate da uno o più individui), alla dose di 0,10 Kg/ha. Utilizzare volumi d’acqua di 400-1000 L/ha a seconda dello sviluppo della vegetazione. Ripetere i trattamenti (fino ad un massimo di 3 per anno) a distanza di 7-14 giorni. Su orticole (pomodoro e cucurbitacee) il prodotto può essere applicato anche tramite il sistema dell’irrigazione a goccia o con manichette per il controllo della mosca bianca (Trialeurodes vaporariorum e Bemisia tabaci) in particolare le forme immature. Teppeki, dopo essere stato disciolto in poca acqua a parte, viene introdotto nel sistema di irrigazione e quindi distribuito al terreno. La soluzione deve essere preparata subito prima del trattamentoe applicata al termine del ciclo di irrigazione. Si raccomanda di effettuare 2 trattamenti alla dose di 0,20 kg/ha, il primo dopo che le piantine abbiano superato la crisi di trapianto (da 1 a max 7 giorni) e il secondo a 10-14 giorni di distanza, a seconda delle condizioni favorevoli allo sviluppo della mosca bianca.

Avvertenza: In caso di miscela con altri formulati, deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione, informare il medico della miscelazione compiuta.

Riempire a metà il serbatoio dell’irroratrice con acqua, mettere in funzione l’agitatore ed aggiungere la dose prevista di prodotto, quindi portare al volume desiderato aggiungendo altra acqua. Mantenere la massa in agitazione fino all’applicazione.