Biobit Df
Prodotto biologico
Condizione Fisica: Granuli disperdibili in acqua
Necessario PATENTINO
FormatoPrezzo di ListinoIl tuo Prezzo
1 Kg
€ 19,58
Formati:
1 Kg

BioBit DF è selettivo nei confronti degli insetti utili e pronubi, risulta idoneo nei programmi di lotta integrata e biologica. BioBit DF è biodegradabile. BioBit DF agisce per ingestione sulle larve dei Lepidotteri. A seguito
della lesione della parete intestinale le larve smettono di alimentarsi e muoiono in 24-72 ore a seconda della suscettibilità della specie. Se si impiega correttamente l’efficacia di BioBit DF, sulle giovani larve, è paragonabile a quella degli  insetticidi convenzionali.

BioBit DF è un insetticida a base di Bacillus thuringiensis subsp. kurstaki  con un vasto spettro di azione e registrato su un numero elevato di colture.
La presenza delle tossine Cry IAa, Cry IAb, Cry IAc, caratteristiche del ceppo kurstaki HD-1 (ABTS 351), permette il controllo di larve di fitofagi come Tortricidi ricamatori (Lobesia botrana, Archips sp., Pandemis sp. etc.) e di numerosi altri generi, tra i quali la Tignola del pesco (Anarsia lineatella) e la Tignola del pomodoro (Tuta absoluta).
L’elevata specificità di azione di BioBit DF nei confronti delle larve dei lepidotteri defogliatori fa sì che questo preparato sia sicuro per l’utilizzatore, innocuo per gli animali e l’entomofauna utile.
Il meccanismo di azione è unico nel suo genere e non sono mai stati riscontrati casi di resistenza incrociata con gli insetticidi chimici di sintesi.
Il tempo di carenza è zero giorni, BioBit DF è ideale in programmi di difesa integrata e biologica.

BioBit DF è un insetticida biologico che agisce per ingestione sulle larve dei Lepidotteri. L’attività biologica è svolta dalla deltaendotossina, presente sotto forma di cristalli o inclusioni parasporali di natura proteica. Una volta ingerita dalle larve, la delta-endotossina si scioglie e si scompone nelle sub-unità proteiche grazie all’azione di enzimi. Le tossine così liberate  riconoscono i recettori specifici nell’intestino medio delle lar-ve. Si verifica quindi la rottura delle cellule della parete intestinale: le modifiche subite dall’intestino consentono alle spore di passare nel sistema linfatico, causando un’infezione set-ticemica. Questa provoca l’immediata paralisi dell’apparato intestinale con conseguente interruzione dell’attività trofica; la larva smette di nutrirsi in un arco di tempo compreso tra 30 minuti e 2 ore. La morte delle larve sopraggiunge in un tempo variabile (1-3 giorni) a seconda della suscettibilità della specie.
 

Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate sull’etichetta del prodotto.
  • Bacillus thuringiensis subsp. kurstaki
    54 g (Potenza 32.000 Ul/mg di formulato su Trichoplusia ni)

Riempire per metà il serbatoio con acqua, azionare l’agitatore e versare la dose prevista di prodotto. Mantenendo in funzione l’agitatore completare il riempimento del serbatoio. Agitare se necessario per mantenere la sospensione. L’aggiunta di un bagnante adesivante può essere utile al fine di ottenere una migliore distribuzione e persistenza del prodotto.

Il prodotto non è compatibile con sostanze alcaline (es. calce e poltiglia bordolese alcalina).

BioBit DF va applicato quando le larve sono ancora nei primi stadi di sviluppo (momento in cui l’attività trofica è maggiore) e prima che le stesse penetrino nei tessuti vegetali.
BioBit DF va applicato preferibilmente nel tardo pomeriggio, per minimizzare gli effetti negativi dei raggi UV.
In presenza di acque con pH superiore a 7,5 è necessario acidificare preventivamente l’acqua prima di effettua-re la miscela. 
È consigliabile ripetere il trattamento una seconda volta a distanza di 5-10 giorni, in relazione al grado d’infestazione presente. 
Riempire per metà il serbatoio con acqua, versare la necessaria quantità di prodotto, miscelare mantenendo in agitazione e portare il serbatoio a volume. 
Assicurare una completa e uniforme bagnatura della vegetazione con volumi medio-alti e ripetere il trattamento qualora si verifichi una pioggia intensa nelle sei ore successive. 
Si raccomanda l’uso di bagnanti specialmente nei trattamenti su colture difficili da coprire in modo appropriato. 
Non miscelare con prodotti a reazione alcalina (calce, poltiglia bordolese).