PRODIGY
Marca: Bayer
Condizione Fisica: Sospensione Concentrata
Necessario PATENTINO
FormatoPrezzo di ListinoIl tuo Prezzo
1 Lt
€ 0,00
Formati:
1 Lt

Prodigy è un insetticida a base di metossifenozide, che agisce con selettività ed efficacia sui principali lepidotteri dannosi per le colture frutticole: tortricidi ricamatori, carpocapsa, cidia ed anarsia.Prodigy è impiegabile anche per la difesa delle colture orticole nonché per la difesa della vite e dell'uva da tavola contro le tignole.
Prodigy è caratterizzato da un elevato grado di selettività nei confronti degli insetti utili e da un favorevole profilo eco-tossicologico che lo rendono sicuro per l'operatore ed il consumatore finale. L'insetticida si distingue quindi per una buona persistenza, un'elevata resistenza al dilavamento, un'efficacia non influenzata dalla temperatura ed un breve intervallo di sicurezza. Prodigy è quindi un agrofarmaco che risponde a tutte le esigenze di una moderna difesa insetticida; a conferma di ciò la sostanza attiva metossifenozide è stata insignita del premio "Green Chemistry Award" (Premio Chimica Verde) istituito dal governo degli U.S.A. Inoltre è stata classificata dall'E.P.A. (Environmental Protection Agency) come "Reduced Risk Pesticide", ovvero come "agrofarmaco a rischio ridotto". Elevata efficacia su tortricidi ricamatori, carpocapsa, cidia, tignole. Prodotto ideale per l’impiego in lotta integrata: attivo sui lepidotteri carpofagi e selettivo per artropodi utili (antocoridi, fitoseidi, ecc.)

 

 H411 - Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata
Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate sull’etichetta del prodotto.
  • Metossifenozide
    22.5 g (=240 g/L)
  • Coformulanti q.b.
    a 100 g

1 trattamento in pre-fioritura; contro le generazioni successive: 1-2 trattamenti per generazione, posizionando il primo trattamento all’ovideposizione e il secondo trattamento 15 - 20 giorni dopo.
Arancio,  mandarino,  clementino: sono  consentiti  al  massimo  2  trattamenti.
Dosi  riferite  a  1500 - 2000 l/ha di volume d’acqua. Dosi di  40  ml/hl (fino  ad  un massimo di 1200 ml/ha)  contro Minatrice serpentina degli agrumi (Phyllocnistis citrella) (2   trattamenti   in   miscela   con   olio   bianco   alla   dose   di   0,5 l/hl, posizionando  il  primo  trattamento  alla  comparsa  delle  prima  mine  e  il  secondo trattamento 7 giorni dopo). Pomodoro, peperone,peperone piccante,melanzana, pepino,in pieno campo ed in serra: sono consentiti al massimo 2 trattamenti in serra e 1 in pieno campo.Dosi riferite a 800-1000 l/ha di volume  d’acqua.
Contro Nottua mediterranea(Spodoptera littoralis) e Nottua gialla del pomodoro  (Heliothis  armigera), trattare  alla  presenza  delle  prime  larve  con  50-60  ml/hl utilizzando  il  dosaggio  più  elevato  per  larve  di  maggiori  dimensioni  (400-500 ml/ha,  con  un  dosaggio  minimo  di  400  ml/ha)  e  ripetere  il  trattamento  ad intervalli minimi di 7 giorni a seconda dell’intensità di infestazione. Lattughe ed Erbe fresche (escluso baby leaf) in pieno campo: lattuga, lattuga cappuccia, lollo rosso (lattughina), lattuga iceberg, lattuga romana, dolcetta (valerianella),  gallinella carenata,  barbarea, rucola, rucola  selvatica,  senape nera,  foglie  e   germogli   di  Brassica   spp,   Brassica   rapa   var.   nipponica (mizuna), cerfoglio,  erba cipollina, foglie di coriandolo, foglie dianeto, foglie di  carvi,  levistico,  angelica,  finocchiella  e  altre  apiacee,  prezzemolo,  salvia, santoreggia  montana,  erba  di  S.  Giuliano,  rosmarino,  timo,  maggiorana, origano,  basilico,  foglie  di  melissa,  menta,  menta  piperita,  foglie  di  alloro (lauro),  dragoncello,  issopo.E’ consentito al  massimo  1  trattamento.  Dosi riferite a 400-800 l/ha di volume d’acqua.Contro Nottua mediterranea (Spodoptera littoralis) e Nottua gialla del pomodoro (Heliothis  armigera), Trattare  alla  presenza  delle  prime  larve  con  50-60  ml/hl (400-500 ml/ha, a seconda del livello di infestazione e del volume d’acqua, con un dosaggio minimo di 400 ml/ha).
Spinaci,  spinaci  della  Nuova  Zelanda,  cime  di  rapa,  portulaca,  claitonia, porcellana,  romice  acetosa,  salicornia,  bietola  da  foglia  e  da  costa,  foglie  di bietole  rosse,  in  pieno  campo (escluso  baby  leaf): è consentito al  massimo 1 trattamento. Dosi riferite a 400-800 l/ha di volume d’acqua.Contro Nottua mediterranea (Spodoptera littoralis) e Nottua gialla del pomodoro (Heliothis  armigera),trattare  alla  presenza  delle  prime  larve  con  50-60  ml/hl (400-500 ml/ha, a seconda del livello di infestazione e del volume d’acqua, con un dosaggio minimo di 400 ml/ha). Le  dosi  indicate  sono  riferite  a  trattamenti  a  volumi  normali  (1200-1500  l acqua/ha per le pomacee  e le drupacee, 400-1000 l acqua/ha per la vite, e  1500-2000 l acqua/ha per gli agrumi). Per trattamenti a basso o ultra-basso volume, le dosi di prodotto devono essere aumentate in modo da garantire lo stesso dosaggio per ettaro. Per evitare l’insorgenza di fenomeni di resistenza, non applicare questo o altri formulati contenenti methoxyfenozide più di 3 volte nell’arco della stagione. Si consiglia  comunque  l’impiego  alternato  con  prodotti  caratterizzati  da  diverso meccanismo  d’azione.  Se  si  usa  methoxyfenozide  in  strategie  di  difesa  che includono  anche  tebufenozide,  non  impiegare  methoxyfenozide    e  tebufenozide per un numero massimo di trattamenti superiore a 3.

Il prodotto è compatibile con insetticidi e fungicidi, ad eccezione di quelli a reazione fortemente alcalina (es. poltiglia bordolese).

Melo,  pero,  melo  cotogno,  melo  selvatico,  nespolo,  nespolo  del  giappone, nashi: sono consentiti al massimo  3 trattamenti. Dosi riferite a 1200-1500 l/ha di volume d’acqua. 40  ml/hl (fino  ad  un  massimo  di  600  ml/ha)contro Tortrice verde-gialla (Pandemis  cerasana) e  Capua  (Capua  reticulana):  contro  larve  svernanti:  1  trattamento  in  pre-fioritura  o  a  caduta  petali;  contro  generazioni estive:  1-2  trattamenti  per  generazione,  posizionando  il  primo  trattamento  a partire  dalla  comparsa  ovature  fino  all’inizio  della  schiusura delle  uova,  e  il secondo  trattamento  15-20  giorni  dopo.  40  ml/hl (fino  ad  un  massimo  di  600 ml/ha) contro Carpocapsa del melo (Cydia pomonella),Eulia (Eulia pulchellana)(1-2  trattamenti  per  generazione,  posizionando  il  primo  trattamento  a  partire dall’inizio  dell’ovideposizione  fino  all’inizio  della  schiusura  delle  uova  e  il secondo trattamento 15-20 giorni dopo).40  ml/hl (fino  ad  un  massimo  di  600  ml/ha) contro  Tignola  orientale  del  pesco Cydia  molesta (1-2  trattamenti  con  intervallo  di  15-20  giorni,  posizionando l’ultimo trattamento almeno 14 giorni prima della raccolta).Pesco,  nettarina,  albicocco: sono  consentiti  al  massimo  2  trattamenti. Dosi  riferite a 1000-1500 l/ha di volume d’acqua.Contro Tignola orientale del pesco (Cydia molesta), Anarsia(Anarsia lineatella)ed Eulia  (Eulia  pulchellana ): 50 ml/hl (fino  ad  un  massimo  di  750  ml/ha)),1-2 trattamenti  per generazione,  posizionando  il  primo  trattamento  tra  l’inizio  dell’ovideposizione e l’inizio della schiusura delle uova, e il secondo trattamento 15-20 giorni dopo.
Vite da vino e da tavola: sono consentiti al massimo  3 trattamenti. Dosi riferite a  400-1000  l/ha  di  volume  d’acqua.  Contro  Tignoletta  della  vite  (Lobesia botrana), dosi di 30-40  ml/hl,  fino  ad  un  massimo di 400  ml/ha  contro  la  prima generazione: 1 trattamento in pre-fioritura; contro le generazioni successive: 1-2 trattamenti per generazione, posizionando il primo trattamento all’ovideposizione e il secondo trattamento 15-20 giorni dopo. Arancio, mandarino, clementino:sono consentiti al massimo 2 trattamenti. Dosi riferite a 1500-2000 l/ha di volume d’acqua. Dosi di 40 ml/hl (fino ad un massimo di 1200 ml/ha) contro Minatrice serpentina degli agrumi (Phyllocnistis citrella) (2 trattamenti in miscela con olio bianco alla dose di 0,5 l/hl,posizionando il primo trattamento alla comparsa delle prima mine e il secondo trattamento 7 giorni dopo). Pomodoro, peperone,peperone piccante,melanzana, pepino,in pieno campo ed in serra: sono consentiti al massimo 2 trattamenti in serra e 1 in pieno campo. Dosi riferite a 800-1000 l/ha di volume d’acqua. Contro Nottua mediterranea (Spodoptera littoralis) e Nottua gialla del pomodoro(Heliothis armigera), trattare alla presenza delle prime larve con 50-60 ml/hl utilizzando il dosaggio più elevato per larve di maggiori dimensioni (400-500 ml/ha, con un dosaggio minimo di 400 ml/ha) e ripetere il trattamento ad intervalli minimi di 7 giorni a seconda dell’intensità di infestazione. Lattughe ed Erbe fresche (escluso baby leaf) in pieno campo: lattuga, lattuga cappuccia, lollo rosso (lattughina), lattuga iceberg, lattuga romana, dolcetta (valerianella), gallinella carenata, barbarea, rucola,rucola selvatica, senape nera, foglie e germogli di Brassica spp, Brassica rapa var. nipponica (mizuna), cerfoglio, erba cipollina, foglie di coriandolo, foglie di aneto, foglie di carvi, levistico, angelica, finocchiella e altre apiacee, prezzemolo, salvia, santoreggia montana, erba di S. Giuliano, rosmarino, timo, maggiorana,origano, basilico, foglie di melissa, menta, menta piperita, foglie di alloro (lauro), dragoncello, issopo. E’ consentito al massimo 1 trattamento. Dosi riferite a 400-800 l/ha di volume d’acqua. Contro Nottua mediterranea(Spodoptera littoralis) e Nottua gialla del pomodoro(Heliothis armigera), trattare alla presenza delle prime larve con 50-60 ml/hl (400-500 ml/ha, a seconda del livello di infestazione e del volume d’acqua, con un dosaggio minimo di 400 ml/ha). Spinaci, spinaci della Nuova Zelanda, cime di rapa, portulaca, claitonia,porcellana, romice acetosa, salicornia, bietola da fogli a e da costa, foglie di bietole rosse, in pieno campo (escluso baby leaf): è consentito al massimo 1 trattamento . Dosi riferite a 400-800 l/ha di volume d’acqua.Contro Nottua mediterranea(Spodoptera littoralis) e Nottua gialla del pomodoro(Heliothis armigera),trattare alla presenza delle prime larve con 50-60 ml/hl (400-500 ml/ha, a seconda del livello di infestazione e del volume d’acqua, con un dosaggio minimo di 400 ml/ha). Le dosi indicate sono riferite a trattamenti a volumi normali (1200-1500 l'acqua/ha per le pomacee e le drupacee,400-1000 l acqua/ha per la vite, e 1500-2000 l acqua/ha per gli agrumi). Per trattamenti a basso o ultra-basso volume, le dosi di prodotto devono essere aumentate in modo da garantire lo stesso dosaggio per ettaro.

il prodotto è compatibile con insetticidi e fungicidi, ad eccezione di quelli a reazione fortemente alcalina (es. poltiglia bordolese).
In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione informare il medico della miscelazione compiuta.