Carakol Agro
Marca: Kollant
Condizione Fisica: Pellet a secco
Necessario PATENTINO
FormatoPrezzo di ListinoIl tuo Prezzo
4 Kg
€ 0,00
Formati:
4 Kg

CARAKOL AGRO attira con i carboidrati contenuti nell’esca i molluschi; non fermenta non ammuffisce, non viene dilavato dalle piogge, non viene asportato dal vento in condizioni d'uso non particolarmente gravose. È di facile e pratico impiego.

Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate sull’etichetta del prodotto.
  • Metaldeide acetica pura 
    5 g
  • Coformulanti* q.b.
    *contiene denatonio benzoato
    sostanza amaricante atta a
    ridurre il rischio di ingestione
    accidentale da parte di bambini
    e di animali non bersaglio
    a: 100 g 

Va sparsa a spaglio, a file o a mucchietti, preferibilmente di sera, dopo eventuale pioggia o annaffiatura o con terreno comunque umido coltivato. Per evitare infestazioni all’esterno, distribuire il prodotto lungo i margini delle aree da proteggere.

Il prodotto si impiega da solo.

L'esca granulare Carakol Agro va sparsa a spaglio, a file o a mucchietti, preferibilmente di sera, dopo eventuale pioggia o annaffiatura, in pieno campo con terreno comunque umido coltivato a: bietola da coste, ortaggi a foglia ed erbe fresche (escluso crescione acquatico, foglie di vite, cicoria witloof), indivia, lattughe, floreali e ornamentali.

- 100-300 g per ogni 100 m2 di superficie a seconda del grado di infestazione;                                                 -  2-3 g (pochi granuli) attorno alle piante per trattamenti singoli. 

In pieno campo con terreno coltivato a: asparago, carciofo, cavolo cappuccio, finocchio, porro, sedano. Applicare 70 g per ogni 100 m 2 di superficie. Se necessario ripetere il trattamento dopo 7-14 giorni per un massimo di 2 applicazioni per stagione. Per trattamenti singoli applicare 2-3 g (pochi granuli) attorno alle piante. Per evitare infestazioni dall'esterno, distribuire il prodotto lungo i margini delle aree da proteggere. 

Il prodotto è tossico per gli insetti utili, gli animali domestici, il bestiame ed i pesci.

SOSPENDERE I TRATTAMENTI 20 GIORNI PRIMA DEL RACCOLTO PER BIETOLA DA COSTE, INDIVIA, LATTUGHE, SPINACIO, ASPARAGI, CARCIOFO, PORRO; 3 GIORNI PRIMA PER CAVOLO CAPPUCCIO